Ponti…sull’avversario: Genoa-Palermo

Arrivati al secondo episodio della rubrica “Ponti…sull’avversario”, a 72 ore dal successo rossoblu sulla Fiorentina, è già tempo di analisi sul Palermo, fanalino di coda del torneo ma non per questo formazione da sottovalutare. A suon di domande, ecco l’analisi dell’ex calciatore rossoblu Mario Ponti.

Quali sono i difetti del Palermo?

Il problema maggiore del Palermo è legato alla gestione Zamparini, presidente che cambia allenatori come le persone normali cambiano la maglia della pelle e quindi il gruppo ne risente. L’ultimo allenatore a sedersi sulla panchina del Palermo è stato Eugenio Corini, l’ex Chievo, il quale fa giocare la squadra con un 3-4-2-1. Il portiere è il giovane Posavec,che alterna ottime parate e errori abbastanza gravi in particolare nelle uscite e nel gioco tra i piedi. I tre centrali sono bravi nel gioco aereo ma difettano in concentrazione e rapidità.

E i punti di forza?

I due esterni sono solitamente Alesaami, svedese, sulla fascia sinistra, e Rispoli ex Sampdoria, sulla destra. iI primo preferisce scendere palla al piede, ha un buon dribbling e un piede molto educato per il cross. Rispoli invece è forte fisicamente e preferisce il lancio sulla sua ottima corsa anche se difetta nel cross e nel passaggio. In mezzo al campo dispongono di giocatori tecnicamente sufficienti e con buoni tempi di inserimento. Il reparto avanzato è invece composto da due mezze punte e una punta centrale. I due trequartisti sono solitamente Quaison e Diamanti: buon dribbling e buona tecnica il primo, tutto mancino, ottimo sulle palle inattive e giocatore caratteriale il secondo. La punta centrale Nestorovski è importante nel far salire la squadra, è forte fisicamente e ha spiccato senso del gol.

Quale tipo di marcature adotta il Palermo?

I centrali difensivi marcano a zona e i due esterni non abbandonano mai la fascia di competenza. Sui calci d’angolo a sfavore difendono con marcature definite in partenza.

Come si comportano sulle palle inattive in attacco?

Su calci d’angolo e punizioni a favore salgono a colpire due dei tre difensori centrali e in questo senso va tenuto d’occhio soprattutto Andelkovic. A volte fanno il gioco a due , altre cercano Andelkovic o il giocatore sul secondo palo. Attenzione a Diamanti e Jajalo, ottimi esecutori di punizioni dal limite dell’area.

Su quale settore di campo il Palermo preferisce attaccare?

Prevalentemente sulla sinistra.

Come si sviluppa il possesso palla dei rosanero?

I centrocampisti cercano il palleggio, ma difficilmente si muovono senza palla. I difensori cercano di uscire dalla propria area col pallone tra i piedi, ma la cosa riesce poche volte perché parliamo di giocatori mediocri quanto a tecnica di base.

In definitiva quali sono i giocatori più importanti?

Aleesami, Andelkovic, Henrique, Diamanti e Nestvroski. In mezzo al campo ci sono poi giocatori senza cambio di passo anche se in possesso di buona tecnica.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Rassegna Stampa
Articolo successivoFiggi dö Zena, stasera la raccolta solidale nei Distinti. E la beneficenza non finirà qui
Mario Ponti

Sono nato a Genova il 10 gennaio 1964. Ho fatto tutto il settore giovanile nel Genoa: 3 anni di primavera, esordio in serie A in Genoa -Napoli nel 1983. Poi esperienze nel Carbonia, Omegna, Casale e Mondovì in Serie C2; poi Dilettante in squadre della provincia di Genova. Un grave infortunio al ginocchio destro mi ha condizionato per tutta la carriera. Quattro operazioni. Una volta terminato di giocare ho iniziato a fare l’allenatore, prima nelle giovanili rossoblu e successivamente per 10 stagioni sulle panchine di Arenzano (il mio paese d’origine), Cogoleto, Lagaccio, Molassana e Pegliese. Infine, la sclerosi multipla è avanzata e ho dovuto abbandonare la panchina motivo per cui ho fatto per tre anni il direttore sportivo. Ora voglio fare solo lo spettatore e il tifoso. Nel 2014 la T.O mi ha premiato come tifoso rossoblu dell’anno, cosa di cui vado molto, molto orgoglioso.