La Moviola: che svista su Rigoni. Ma Rizzoli e Rocchi dov’erano?

Con la ripresa del campionato ritorna anche la moviola di BuonCalcioaTutti.it. Una moviola che, ribadiamolo, cercherà di tenere sempre in considerazione un fattore su tutti: la posizione del direttore di gara al momento degli episodi dubbi.

Partiamo dunque con il mancato rigore per i rossoblu:

Siamo al minuto 22′ del primo tempo. Izzo batte la rimessa direttamente su Rigoni: il numero 30 rossoblu si appresta a stoppare il pallone
Rigoni ha appena stoppata il pallone ed è entrato in area. Strootman lo incalza alle spalle e con la gamba sinistra colpisce platealmente il centrocampista del Genoa. Rizzoli è a una decina di metri concentrato sull’azione (e non coperto da alcun altro calciatore)
Nella foto, il dettaglio del contatto. Rigoni viene evidentemente ostacolato dal numero 6 giallorosso: Rizzoli è in linea e, non ostacolato nella visuale, avrebbe dovuto concedere il calcio di rigore. Nell’occasione non viene neppure aiutato dall’assistente di linea Rocchi

Ha destato quindi più di una critica la scelta del fischietto bolognese di non concedere il calcio di rigore per la formazione di casa. Passiamo ora a valutare un secondo episodio decisivo della partita: il gol della RomaDove si trovava il guardalinee Tegoni al momento del tiro di Bruno Peres fatalmente deviato in porta da Izzo?

Siamo al 36esimo. Una serie di rimpalli permette a Bruno Peres di arrivare al tiro. Prima deviazione di Cofie, seconda di Izzo che fa procedere la sfera dentro la porta difesa da Lamanna. Al di là della sfortuna, incuriosisce la posizione di Perotti, in fuorigioco attivo rispetto alla posizione di Izzo, con ogni probabilità tenuto in gioco invece dal posizionamento di Munoz (nella foto, in alto con in guanti neri). Il guardalinee Tegoni è in linea e non valuta di segnalare il possibile offside: scelta corretta visto che l’eventuale fuorigioco diventerebbe millimetrico

Due episodi da prendere singolarmente e valutare con obiettività. Al Genoa manca un rigore – e questo accade ormai da 28 partite consecutive tra la passata stagione e quella attuale; non è invece contestabile la scelta del guardalinee in occasione del gol giallorosso.

Domani ci riaggiorneremo ancora perché altri due episodi avrebbero potuto avere un peso nell’economia del match. Li analizzeremo uno per uno.

Nel frattempo, se volete continuare a seguire i nostri approfondimenti, le nostre statistiche e le nostre rubriche seguiteci anche sulla pagina Facebook (clicca qui) o iscrivendovi alla newsletter (clicca qui).