CIES Football Observatory, Perin giocatore più rappresentativo del Genoa

Il CIES Football Obstervatory ha diramato la classifica dei ‘Most Loyal Players’ in Europa, ovvero i giocatori più fedeli alla propria squadra. Un nome per ogni maglia, con scelte più semplici per alcune squadre e molto più complicate per altre, come la Roma, “costretta” a lasciar fuori Daniele De Rossi.

A vincere senza eguali anche in Europa è infatti Francesco Totti, che guida la classifica seguito a ruota da Buffon; Palombo (passato però in prestito all’Inter, ndr) e Pellissier, entrambi da oltre 14 anni con la stessa maglia, condividono il terzo posto.

E il Genoa? Anche in questo frangente il Vecchio Balordo si trova in una posizione di precario equilibrio, sebbene in compagnia di Bologna e Torino. Mattia Perin è il giocatore più fedele alla maglia rossoblù, che veste da 3 anni e mezzo (senza contare ovviamente la trafila nel settore giovanile, ndr) e con la quale vanta già 110 presenze in Serie A. Stesso legame che hanno Masina col Bologna e la coppia granata MorettiPadelli col Torino.

Sempre per quanto riguarda il Vecchio Balordo, è Nicolas Burdisso il secondo calciatore più rappresentativo con tre anni di militanza. Il difensore argentino, che ad Empoli taglierà il traguardo delle 100 presenze (in campionato, ndr) con il Vecchio Balordo, è arrivato sotto la Lanterna nel gennaio 2014 e da quel momento ha disputato 104 partite con la maglia rossoblu, comprese le sfide di Coppa Italia. A seguire troviamo Izzo e Lamanna con 2 anni e otto mesi di militanza, arrivati – o ritornati – al Genoa nel giugno 2014.

Sulla base dei dati forniti dal CIES, il club meno stabile d’Europa (sono state prese in considerazione Serie A, Premier League, Bundesliga, Liga e Ligue 1) è l’Olimpique Marsiglia, squadra che detiene il cartellino dell’ormai ex Lucas Ocampos. I giocatori biancazzurri con la più lunga permanenza al Velodrome sono arrivati solamente nel 2015.

Chiudono la classifica Pescara e Crotone, quest’ultima compagine con addirittura tre uomini a pari merito: Claiton, Martella e Ferrari.

Foto tratta dal sito ufficiale del CIES Football Observatory