La buonanotte: sliding doors e riflessi ingannevoli

Una giornata vissuta all’insegna degli anticipi (di campionato) e dei riflessi ingannevoli, all’insegna delle porte girevoli: se ne apre una, se ne chiude un’altra.

Dalla parata di Reina contro la Roma all’ultimo minuto sino all’esultanza bizzarra di Mertens dopo il gol dell’uno a zero: fin dal primo pomeriggio, proprio mentre a Villa Rostan andava in scena la conferenza stampa di Andrea Mandorlini in vista di Empoli (clicca qui per riascoltare le sue parole), all’Olimpico si fischiava l’inizio di Roma-Napoli. Una vittoria giallorossa avrebbe forse chiuso il capitolo secondo posto: il successo partenopeo lo ha di fatto riaperto, chiudendo piuttosto le porte alla lotta scudetto.

Domani la palla passerà alla Juventus: se vincerà ad Udine sarà +10 sulla seconda a undici giornate dal termine. Nel frattempo anche Sampdoria-Pescara e Milan-Chievo hanno regalato emozioni: festeggiamenti per la millesima panchina di Zdenek Zeman, paura a San Siro per un closing che non promette bene. Bacca e Lapadula hanno provato a ridare vigore a una stagione che era partita nel migliore dei modi e che sembrava destinata verso altri obiettivi: ora non resta che attendere e la vittoria col Chievo farebbe ben sperare.

 

LA FOTO DEL GIORNO – Dries Mertens non stupisce più soltanto coi numeri da capogiro della sua stagione, ma anche con le esultanze…


E ci concediamo anche la licenza di pubblicare un Gessi Adamoli, firma de “La Repubblica”, impegnato a fare il pesto.


LA GIF DEL GIORNO

LA FRASE DEL GIORNO 

Tutto quello che so è una porta sul buio” (Seamus Heaney)

LA CANZONE DEL GIORNO