La buonanotte: Barcellona nella storia, Genoa nel marasma derby

Una serata che per tutti gli amanti del calcio rimarrà nella mente oltre che negli annali. Il Barcellona ha regalato a tutti i telespettatori, a tutti i suoi tifosi, a tutti i detrattori di Luis Henrique una di quelle partite che difficilmente fanno andare a letto infelici: del resto rimontare quattro reti al PSG e vincere 6 a 1 assicurandosi un passaggio ai quarti di finale che sembrava ormai pregiudicato non è cosa da poco. Neppure per Messi e compagnia.

La copertina del giornale spagnolo “As” poco dopo la fine della partita

E mentre alcuni tifosi blaugrana ironizzano sul Real Madrid e i suoi sostenitori, ormai convinti di poter salutare il Barcellona…

…in quel di Pegli, con la carica di Izzo diffusa su Instagram

https://www.instagram.com/p/BRYy9SElmlv/?taken-by=armandoizzopage&hl=en

…andava in scena l’unico allenamento a porte aperte del Genoa prima del derby (clicca qui per sapere cosa è successo). Ci sono state bandiere al vento, ci sono stati pochi ma calorosi applausi, ci sono state le bocche aperte alla vista di Miguel Veloso pronto a compiere decine di giri di campo. C’erano anche tifosi un po’ speciali:

Nel pieno rispetto della tradizione delle sere passate, da cuori deboli e forti quali siamo (come ci ha raccontato il tifoso rossoblu Padre Mauro), andremo a rispolverare anche in questa buonanotte alcune frasi che ben possono avvicinarci al derby facendocelo vedere da più lati differenti.

A tal proposito, una pubblicità regresso recitava tempo fa: “sei stato genoano una vita? Riposati qualche weekend“. Allo stesso modo, anche se vedendola da sponda opposta, Vujadin Boskov aveva capito che quel catino infernale chiamato “Ferraris” aveva qualcosa di speciale – e dietetico, soprattutto se tifavi Genoa e ti si prospettava davanti una sfida contro la Sampdoria. “Non ho bisogno di fare la dieta. Ogni volta che entro a Marassi perdo tre chili“.

Chiuderemo con una breve sentenza della Fortuna prima di andare a vedere cosa è successo quest’oggi al Mugnaini. Una mano protesa in avanti, una a tenersi il mento, la Fortuna una sera diceva tra sé e sé:

“Alla Sampdoria ho dato troppo in tutto.
Al Genoa nulla di abbastanza in niente”

LE ULTIME DA BOGLIASCO – “Prosegue con una seduta pomeridiana sul campo superiore del “Mugnaini” di Bogliasco la fase di avvicinamento al derby della Lanterna. Lontano da occhi indiscreti, ma sotto lo sguardo attento di Carlo Osti, Riccardo Pecini e Daniele Pradè, Marco Giampaolo e il suo staff hanno sottoposto l’intera rosa ad una serie di esercitazioni tecnico-tattiche. Domani, giovedì, è in programma un allenamento mattutino ancora a porte chiuse” (tratto dal sito ufficiale della Sampdoria).

La bandiera con scritto “Zona” sventolata questo pomeriggio al Pio Signorini