La buonanotte: tra i convocati, le massime di Scoglio e il derby c’è la Juve che se ne va

Oggi vi abbiamo proposto le parole di Andrea Mandorlini, che ha parlato alla stampa alla vigilia della stracittadina contro la Sampdoria. Qui di seguito l’audio dell’intera conferenza:

In giornata ha parlato però anche Marco Giampaolo, delle cui dichiarazioni riportiamo un breve estratto:

Giocheremo con la nostra solita identità, dobbiamo giocare a calcio che è quel che sappiamo fare meglio. Loro hanno cambiato molto rispetto all’andata: non solo in panchina, ma anche nei nomi di chi scende in campo. Quindi sarà una partita meno decifrabile rispetto a quella di qualche mese fa. Abbiamo preparato un certo tipo di gara, ma serve sempre qualcosa di più in sfide come queste. Il Genoa? Userà attenzione e agonismo. Non vince chi dà più calci, ma chi gioca meglio a calcio. Non si va a fare la guerra”.

Mentre la Juventus vinceva al minuto 94′ su calcio di rigore con Dybala e il Milan recriminava per un rigore ritenuto “inesistente” (volente o nolente, si è assistito alla chiusura pressoché definitiva del campionato), arrivavano anche i convocati rossoblu:

GENOA – 2 Edenilson, 3 Gentiletti, 4 Cofie, 5 Izzo, 8 Burdisso, 9 Simeone, 10 Ntcham, 11 Palladino, 14 Biraschi, 15 Hiljemark, 16 Beghetto, 17 Taarabt, 22 Lazovic, 23 Lamanna, 24 Munoz, 27 Pandev, 28 Brivio, 30 Rigoni, 32 Morosini, 38 Zima, 51 Pinilla, 83 Rubinho, 93 Laxalt, 94 Cataldi

In giornata, in ottica Genoa, arrivano anche ottime notizie: Mattia Perin sta recuperando, bruciando tappe e calorie. E documenta la sua ripresa attraverso Instagram:

Chiudiamo questo venerdì di vigilia con un’ultima frase che oggi ha fatto il giro di social network e bar. Appartiene al “Prof” Franco Scoglio, il quale aveva sempre avuto la dote di alleggerire col suo modo di fare anche i momenti più tesi. Come quelli che anticipano un Derby della Lanterna.

Le caratteristiche che devono avere i miei giocatori? Senz’altro necessitano di attributi tripallici! Quelli che hanno 3 palle fanno il pressing, quelli che ne hanno 2 giocano al calcio, quelli che ne hanno 1 fanno le partite tra scapoli e ammogliati

La Samp è come Dorian Gray, cultore dell’estetismo