Occhi al Pio: tecnica, moduli, sostituzioni

Nella foto, Simeone ed Orban (foto d'archivio)

Allenamento mattutino a Pegli tra tecnica, tattica, sostituzioni. Mandorlini alla ricerca del gol perduto contro il Diavolo a dispetto di assenze importanti: ecco perché potrebbe tornare al passato con un cambio di modulo.

Il 4-3-3 il più probabile tra i moduli se troverà i calciatori giusti da mettere al posto giusto. Non potrà stravolgere, anche da un punto di vista psicologico,  i moduli precedenti imparati e adottati dalla truppa rossoblu.

Il 4-3-3 sulla carta è il modulo più equilibrato per la presenza di un numero pressoché uguale nelle tre zone in cui solitamente si divide il campo. Modulo da interpretare bene per non lasciare spazi ai rossoneri.

In difesa sarà da sostituire Burdisso e Mandorlini dovrà decidere se spostare Izzo centrale con Munoz o Gentiletti o farlo giocare nella “a quattro” difensiva a destra. Se Izzo giocherà centrale, Edenilson il candidato numero uno a giocare sulla corsia laterale bassa.

Domani alle 14 i sostenitori della Gradinata Nord hanno annunciato una visita al Pio Signorini. La speranza è che sia per sollecitare la squadra a metterci il massimo impegno. I processi si possono fare anche a salvezza matematica avvenuta.