Uno sguardo alle classifiche: Premier aperta, Bundesliga chiusa, Liga caliente

Immagine tratta da Internet

Cosa è successo nell’ultima settimana di calcio internazionale? Tanto, davvero tanto, complici anche i turni infrasettimanali e motivo per il quale il focus di questa settimana sarà incentrato sulla sostanza più che sulla forma. Al come sia avvenuto preferiamo raccontarvi cosa abbiano generato i risultati di questi giorni.

Se Mario Balotelli segna una doppietta regalando quota 70 punti al suo Nizza, Monaco e Paris proseguono la loro cavalcata verso la fine del campionato, oggi ancora in mano ai biancorossi che vivono ormai di rendita con 3 punti di distacco.

Decisivo sarà invece Manchester United – Chelsea, un po’ per la matta voglia di rivincita da parte di Josè Mourinho, un po’ perché il Tottenham spera di volare a -4 ed un po’ anche per i sogni di Champions League che attanagliano i Red Devils.

Discorso differente in Germania, dove la lotta per il titolo sembra essere già in ghiaccio ma dietro si sta scatenando una lotta a tre: Lipsia, Hoffenheim o Borussia Dortmund?

Anche dietro non si scherza: Amburgo, Wolfsburg, Schalke, Leverkusen e altre nobili decadute rischiano infatti di venire risucchiate in zona retrocessione, oggi ferma a quota 29 punti.

In Liga invece cade – anche piuttosto male – il Barcellona di Luis Enrique, impegnato questa sera contro la Juventus in Champions: il pari nel derby di Madrid suona già come festa per il titolo? Non possiamo saperlo, l’unica certezza è che in Spagna il campionato è ancora acceso e colorato.

Partiamo proprio dal campionato più aperto d’Europa.