La buonanotte della Champions: cosa ci fanno due spagnole, un’italiana e una francese?

Foto tratta da Internet

Dopo il pareggio del Camp Nou e l’accesso della Juventus alle semifinali di Champions League, sola formazione italiana, l’unica certezza in questo mercoledì sera è una: Ivan Juric ha guardato la partita fra Barcellona e Juventus a casa, in serenità. Lo ha confermato il tecnico stesso, intervenuto di fronte ai giornalisti al termine della festa del settore giovanile rossoblù organizzata dalla Barabino&Partners allo Sciorba Stadium nel tardo pomeriggio.

LE FRASI DEL GIORNO

Sono proprio di Ivan Juric e arrivano dallo Sciorba Stadium . “La Juventus è un avversario proibitivo – ha ammesso – Io ho segnato contro di loro ma erano altri tempi. Servono le prestazioni giuste e la voglia di lottare, poi magari ci gira bene anche domenica”.

Sulla gara contro la Lazio, invece, il mister rossoblù ha poi aggiunto: “La partita con la Lazio è stato solo un piccolo passo in avanti per tutti, dovevamo dimostrare che in campo c’erano anche uomini veri, abbiamo trovato si tante difficoltà contro squadra di rosa superiore ma a dire il vero potevamo anche vincere: ora dobbiamo dimostrare che non è stato solo un caso”.

Per Juric sarà difficile trovare una soluzione per aprire le maglie della difesa bianconera, che in Champions ha incassato un gol ogni 7 ore e mezza! Ad ogni modo al “Pio Signorini” il lavoro è intenso e domani proseguirà a porte aperte. La Juventus, di qui a domenica, comincerà intanto a preparare la sfida coi rossoblu con un orecchio ai sorteggi.

I RISULTATI DI CHAMPIONS 

La Juventus pareggia, si difende e conquista meritatamente la semifinale di Champions League. Squadra mentalmente cresciuta e guidata da un tecnico, Allegri, che la prossima estate potrebbe essere conteso da mezza Europa. Barcellona in primis.

Il Borussia Dortmund non riesce invece a ribaltare il 3-2 casalingo subito dal Monaco e allo stadio “Louis II” perde per 3-1. Monaco a sorpresa in semifinale, con un talento classe ’98 chiamato Mbappè e un ex del calcio italiano come Glik che forse, a pensarci in estate, mai avrebbe osato vedersi in semifinale di Coppa dei Campioni.

LA CANZONE DEL GIORNO – In linea con quella che è stata la giornata di festa della cantera e del settore giovanile rossoblu, ci lasciamo con Giorgio Gaber.