Genoa-Chievo, la Nord invita i tifosi a raccolta: ecco il nuovo comunicato

Foto Tanopress

A tre giorni dalla delicata sfida con il Chievo, la Gradinata Nord ha diffuso un nuovo comunicato. Ecco il testo integrale dal titolo “La Nord è amore e passione, non la vostra diffamazione“:

In uno scenario sempre più fosco che coinvolge la situazione socio-politica ed economica in Italia e con un disegno scientifico mirato a distogliere l’attenzione dai reali problemi del paese, ultimamente è in atto una sorta di caccia alle streghe contro il movimento ultras e contro i tifosi che riempiono (o vorrebbero riempire) con colori e passione gli stadi italiani.
Dopo altre aver colpito altre tifoserie in Italia, sono arrivate anche per la Gradinata Nord – curiosamente contemporanee ad un filone che nell’interesse del bene della squadra ci vede contrapposti ad una gestione societaria del Genoa CFC 1893 quantomeno scellerata – una serie di accuse di pura fantasia e totalmente false, ma che hanno radici chiare e che nascono a nostro avviso dal fallimento delle politiche repressive all’interno degli stadi, dal superamento della tessera del tifoso e con il chiaro intento di proseguire l’opera di distruzione del movimento ultras (del quale vengono completamente ignorati i tanti aspetti positivi, a partire dai concreti interventi di solidarietà come nelle recenti disgrazie che hanno colpito il nostro paese, come terremoti ed alluvioni, solo per citarne alcune). Tutto questo avvalendosi anche di un impianto repressivo fuori da ogni logica giuridica e che viola anche principi base sanciti dalla Costituzione italiana.

Oggi le misure restrittive della libertà personale superano il concetto del provvedimento amministrativo, noto come DASPO, ed arrivano alla volontà di spostare la repressione su presunte e fantasiose accuse di infiltrazioni della malavita (???) per costruire tesi associative.

Chi oggi attacca la tifoseria del Genoa, la sua Gradinata, ha un progetto chiaro che è quello di svuotare gli stadi (quello di Genova come tutti gli altri), attraverso la delegittimazione del movimento, attraverso una ferocia repressiva ed una serie di capi accusatori di totale invenzione, che allo stato attuale non opera attraverso la militarizzazione degli stadi (per via di costi non sostenibili), ma avvalendosi della magistratura.

Bene, la Gradinata Nord, che di questo movimento fa parte, è animata esclusivamente dall’amore e dalla passione per i colori del Genoa e da null’altro. E l’unica associazione alla quale appartengono i ragazzi della Nord è quella dell’amore per la maglia rossoblù.

A questo proposito domenica prossima, in occasione dell’incontro Genoa-Chievo Verona, ritroveremo tutti i ragazzi che rientrano allo stadio dopo cinque anni a seguito dei provvedimenti seguenti alle note vicende di Genoa-Siena (gesto romantico e pacifico di passione verso una maglia, che ancora oggi viene spesso utilizzato tanto scientemente quanto inappropriatamente come apertura di servizi televisivi e giornalistici che coinvolgano il mondo delle tifoserie per evidenziarne aspetti negativi). E per festeggiare il loro ritorno, unito al fatto che vogliamo fortemente dare il massimo sostegno alla maglia del Genoa in un incontro delicatissimo per il nostro futuro, invitiamo tutti i tifosi genoani a ritrovarsi in Piazza Alimonda, cuore del tifo rossoblù, per un festoso corteo che si dirigerà verso lo stadio Luigi Ferraris ed il cui appuntamento è fissato per le ore 12,30 di domenica 30 Aprile. Questo è il nostro modo di essere associati. Sciarpe, bandiere, colori e amore incondizionato per la squadra che ha portato il football in Italia.

Vogliamo infine, anche attraverso le righe di questo comunicato, salutare e ricordare con affetto il nostro Pietro, un grande guerriero Genoano che domenica scorsa ha perso la vita in un tragico incidente e che resterà per sempre in una leggendaria storia, che niente e nessuno potrà mai infangare“.