La giornata che fu: Genoa e Inter le peggiori squadre di aprile. Callejon e il Napoli da record

Foto tratta da Internet

Se ne va in archivio con 27 reti la 34esima giornata di Serie A, e assieme coi suoi gol porta i primi semi-verdetti della stagione. La classifica infatti parla chiaro: la Juventus potrebbe già festeggiare il sesto scudetto consecutivo in occasione del Derby col Torino, la Lazio la matematica qualificazione in Europa League.

Incomincerà dunque con la prossima giornata quell’affannoso periodo fatto di calcoli, di risultati e coincidenze che caratterizza l’ultimo mese di campionato. Anche in chiave salvezza, col Genoa sfortunatamente coinvolto, i calcoli resteranno all’ordine del giorno.
Continua la striscia negativa dei rossoblu, che scavalcati dal Chievo sono la peggiore squadra per media punti nel mese di aprile. A condividere questo primato negativo col Genoa proprio la sua prossima avversaria, l’Inter, che ha pressoché detto “arrivederci” a tutte le proprie velleità di qualificazione europea. La speranza di tutto il popolo rossoblu è quella di vedere un maggio più felice a livello di risultati e classifica, magari a partire proprio dalla prossima gara casalinga.

Le migliori formazioni del mese di aprile sono state, come si vede in grafica, Napoli, Juventus e Crotone con 11 punti, seguite a ruota dalle due squadre della Capitale. In ripresa per risultati e gioco anche Torino e Cagliari (squadra con l’imbattibilità più alta in Serie A grazie ai suoi 107′, ndr), con l’Atalanta che grazie ai suoi nove punti ha messo definitivamente fuori gioco gli altri nerazzurri del campionato dalla lotta per il sesto posto e preso un buon vantaggio sul Milan, atteso a Bergamo alla 36esima di campionato. Un Milan che si porta dietro alcune curiosità statistiche:

Tornando in casa Genoa e proiettandosi alla prossima partita, i rossoblu subiscono rete da 7 partite consecutive. Dal canto suo, l’Inter non riesce a mantenere inviolata la propria porta da nove giornate di fila e il prossimo turno dovrà fare a meno di uno dei pilastri della sua retroguardia, ovvero sia Murillo, ieri sera ammonito e per questo squalificato al “Ferraris” (al Genoa mancherà però Laxalt, ndr).

Malgrado abbia rinunciato alla lotta scudetto, ma non a quella per il secondo posto, il Napoli continua a macinare record. Non solo rimane la squadra ad aver vinto più partite in trasferta in questa stagione (11), ma rispolvera anche qualche record storico:

Per concludere, il miglior attacco del campionato resta quello del Napoli con 78 reti (di cui 21 propiziate da Callejon il quale ha collezionato 11 reti e 10 assist contribuendo al 27% delle reti partenopee. La miglior difesa invece, con largo margine, quella della Juventus con 22 gol concessi.