Genoa, Juric: “Il ritiro continua, i ragazzi hanno capito la lezione”

Foto TanoPress

Il tecnico del Genoa Ivan Juric ha parlato in sala stampa al termine della gara fra i rossoblù e l’Inter di Stefano Pioli. Lo avevamo lasciato che saltava in campo acclamato dalla Nord dopo la vittoria contro l’Inter: questi, per punti, i concetti espressi dall’allenatore rossoblù.

“Non ho visto la classifica, conosco solo i risultati. Penso che i ragazzi sono stati veramente bravi e hanno capito la lezione”.

“Si è vista la differenza dalla partita col Chievo. Abbiamo difeso bene, con la giusta cattiveria”. 

“Oggi di nuovo grande prestazione, stiamo crescendo con la personalità giusta. Sono contento”.

“I ragazzi erano consapevoli dell’atteggiamento sbagliato. Oggi si è visto qualche fallo in più, qualche palla che spariva. Piccole cose che servono”.

“Rigore netto su Simeone: ora siamo un po’ preoccupati perché lui è uno che non molla mai ma è rimasto in campo comunque. Speriamo sia solo una brutta botta: farà tutte le visite necessarie”.

“Da domani continueremo il ritiro: giocheremo per vincere a Palermo. È chiaro che nessuno molla niente in questo campionato”.

“Sono contento per Beghetto e Biraschi. Potevano fare meglio magari, ma sono felicissimo”.

“Lamanna è un gran portiere, che magari se entra in un circolo vizioso di errori può subirlo. Oggi si è riscattato”.

“È un anno che poteva andare diversamente: con prestazioni come quelle con Juve, Milan, Inter potevi fare altro. Ora però serve massima concentrazione per Palermo”.

“In Dalmazia piangiamo, ridiamo, esprimiamo le nostre emozioni come settimana scorsa. Oggi sono felice e spero di non dover piangere per i prossimi anni”. 

“Pinilla? Non ha la spina staccata, è pronto e ho visto che si è allenato bene”.