Genoa, Juric: “Prestazione e gol inspiegabili, contro il Torino ci giochiamo la vita”

Foto TanoPress

Il tecnico del Genoa Ivan Juric ha commentato la cocente sconfitta contro il Palermo al Renzo Barbera.

Prima di intervenire in sala stampa per la consueta conferenza del dopo-gara, il mister rossoblù ha parlato ai microfoni di Premium Sport.

“Giocare una partita così e regalare una rete del genere è inspiegabile, ormai bisogna chiudere il capitolo e pensare subito alla prossima partita contro il Torino altrimenti si impazzisce – ha dichiarato Juric – Questa squadra evidentemente è capace di fare prestazioni importanti e poi sbagliare del tutto l’atteggiamento in altre gare, come accaduto oggi”.

Sul cambio Cataldi-Palladino: “Volevo andare in attacco dopo aver preso gol, un gol che poche volte vediamo nella vita”. 

Sull’errore clamoroso di Eugenio Lamanna: “Non so davvero che dire sull’errore, quando lavori non metti neanche in preventivo queste cose, mi viene anche difficile parlarne con lui per capire cosa sia accaduto. Ormai è successo, ora anche lui è ovviamente giù di morale ma deve prepararsi per la prossima partita e chiudere subito questa per non andare fuori di testa”.

La prossima gara contro il Torino diventa quindi decisiva? “Assolutamente, ora dobbiamo solamente pensare al Torino e prepararla bene – conclude Juric – Giochiamo in casa nostra e speriamo di vedere l’atteggiamento giusto, cosa che non ho visto oggi nel primo tempo, con cose davvero brutte”. 

Questi invece, per punti, i concetti espressi dal tecnico del Genoa in conferenza stampa:

  • “Non so che dire, io da questo momento rivolgo tutte le energie verso il Torino”.
  • “Mi viene difficile spiegare il gol e la prestazione di certi giocatori, a volte ci sono cose che uno non riesce a vedere bene”.
  • “Oggi abbiamo sprecato un’occasione tremenda, contro il Torino ci giochiamo la vita”.
  • “Dopo una prestazione importante contro l’Inter si vedeva la gioia e la voglia di far bene, poi abbiamo subito il gol”.
  • “Cataldi non mi è piaciuto per niente, ha fatto passi indietro e non può giocare così la gara della vita. Volevo mettere tre attaccanti e quindi ho scelto Palladino”.
  • “Con il Chievo la caduta poteva essere spiegata dalla voglia di vincere facendo un bel gioco, contro Inter e Lazio invece si è visto che possiamo tirare fuori questa voglia che però a volte, come oggi, non c’è: questa cosa mi sorprende umanamente”.
  • “Il Palermo ha fatto la sua partita giocando normalmente”.
  • “In allenamento andiamo bene ma evidentemente dentro di noi in partita c’è qualcosa che manca e che a volte è inspiegabile”.
  • “Io non ho mai visto una cosa del genere, è inspiegabile”.
  • “Vedo la squadra ogni giorno, stiamo attenti veramente a tutto e questa era la nostra partita con tutta la sofferenza che abbiamo fatto, lo abbiamo detto per tutta la settimana: ‘non dobbiamo pensare ad altro e nemmeno guardare il risultato del Crotone'”.
  • “Avevamo 95 minuti per uscire fuori da tutto, se tu dentro di te non hai la cattiveria per fare questo non riesco a spiegarmelo”.
  • “Una settimana fa hai giocato per 90′ senza guardare nessun altro e oggi invece non lo fai e pensi a questo o a quest’altro, ma chi cazzo sei? A livello umano non ho mai visto una cosa del genere. Inspiegabile. Non è cattiveria, non è dire ‘pezzi di merda’. Magari un mio giocatore mi tirasse una bottiglietta in faccia [per le scelte] o mi sputasse dicendo ‘che cazzo vuoi’, magari. Probabilmente è proprio una debolezza caratteriale in questi momenti, quando prendi gol dopo che hai preparato la partita nei minimi dettagli e ti viene la paura, ma tutto questo mi sorprende e a volte rimango veramente scioccato”.