Calciomercato, sei profili per la difesa: dal genovese Masi al gigante Vicari

Foto tratta da Internet

Ieri sera vi abbiamo documentato quale sia la situazione sui diversi fronti del calciomercato, più che altro a livello di proposte dei procuratori alla società di Villa Rostan (clicca qui per saperne di più). Oggi invece secondo capitolo della rassegna sui migliori profili dell’ultimo campionato di Serie B. Se per i portieri avevamo ristretto il cerchio a tre profili (clicca qui per saperne di più), coi difensori ne abbiamo evidenziati sei, che siano di proprietà di società che partecipino – o parteciperanno – alla prossima Serie B. Tra questi ultimi, tra i profili più interessanti ci sarebbero stati – e chissà che non possano tornare alla ribalta – il terzino destro Untersee (prestato dalla Juventus al Brescia, ndr), la cui valutazione si è accresciuta durante questa stagione, e il centrale Bonifazi (dal Torino alla Spal, ndr), valutato intorno al milione di euro ma sicuramente un giovane su cui monetizzare per la fisicità difensiva e le ottime doti d’inserimento sui calci piazzati.

VICARI – Difensore 22enne della Spal arrivato quest’estate dal Novara, ha collezionato 34 presenze con la maglia biancazzurra. Stagione da incorniciare per lui e per tutto il reparto arretrato della formazione ferrarese, motivo per cui il difensore scuola Novara è già stato accostato a diverse squadre di Serie A. Contratto in scadenza nel 2019 e prezzo che difficilmente andrà sotto i due milioni: per rivoluzionare la difesa rossoblu è nome da appuntarsi sull’agenda.

 

BITTANTE – Terzino destro in prestito dall’Empoli alla Salernitana, utilizzabile anche a sinistra, se necessario. In quel ruolo Juric potrebbe avere bisogno di qualcuno che assicuri a Lazovic la dovuta copertura, soprattutto laddove si dovesse registrare la partenza di Munoz. Giunto in Campania col diritto di riscatto di poco al di sotto del milione di euro, potrebbe essere contro-riscattato dall’Empoli per affrontare con i toscani la prossima Serie B. In attesa degli sviluppi tra Salernitana ed Empoli, vale la pena segnalarne gli ampi margini di miglioramento.

 

MASI – Alberto Masi ha un dettaglio che lo distingue da altri calciatori: è nato a Genova, nel 1992, e dalle giovanili della Sampdoria è passato prima a quelle della Lavagnese, poi a quelle della Pro Vercelli. Infine, come un sogno, il passaggio alla Juventus, che lo avrebbe riscattato a luglio 2012 per oltre due milioni di euro. Un anno e mezzo fa il suo proseguimento di carriera sembrava molto lontano da Terni, dove lo avevano messo fuori lista per aver rifiutato dei trasferimenti. Trenta presenze in due stagioni tra Coppa Italia e campionato potrebbero fargli ponderare un trasferimento estivo: come difensore centrale era ritenuto tra i più promettenti fra quelli nati nei primi anni Novanta. Il suo contratto è in scadenza nel giugno 2017, il suo futuro molto probabilmente lontano dalla squadra allenata da Liverani.

 

BLANCHARD – Tra i difensori di Serie B che hanno già esperienza con la massima serie c’è il bresciano Blanchard, 29 anni, reduce da una stagione sofferta in Lombardia. Tornerà al Carpi, squadra che ne detiene il cartellin, da circa 800mila euro (con contratto in scadenza nel 2019, ndr), e lì verrà deciso il suo futuro. Potrebbe essere il profilo giusto per squadre che debbano rinnovare il reparto arretrato e trovare una discreta sicurezza. Da ricordarsi che fu uno dei più convincenti difensori del Frosinone di due stagioni fa: sua la rete del clamoroso 1-1 dello Stadium contro la Juventus.

 

SABELLI – Laterale destro, 24 anni, viene sistematicamente accostato a club del massimo campionato ogni sessione di mercato. Per lui, scuola Roma da ormai quattro stagioni al Bari, potrebbe essere giunto davvero il momento di spiccare il volo. Investire su di lui sarebbe una scommessa a causa della rottura del legamento crociato che dovrebbe tenerlo fuori dal terreno di gioco almeno sino a ottobre prossimo, tuttavia il profilo su cui investire resta tra i più interessanti della cadetteria. Valore di mercato non inferiore ai 2/3 milioni di euro, con tante possibili variabili ad alterarne eventualmente il costo del cartellino.

 

COLY – Ultimo profilo, probabilmente quello maggiormente intrigante, quello di Racine Coly, 21enne senegalese. Sono bastate due stagioni nella prima squadra del Brescia (103 presenze, 5 gol, 10 assist e 22 ammonizioni) per metterne in luce i margini di miglioramento e la capacità di spingere e fare filtro sull’out difensivo di sinistra. Eventualmente può essere schierato anche a centrocampo, ma predilige mantenere la sua posizione in una linea a quattro: lo testimoniano anche il gran numero di falli fatti (alcuni anche violenti, seppur involontari) e i 25 cartellini che gli sono stati sventolati dagli arbitri. Nel complesso, il profilo è tra quelli più appetibili da prelevare dalla Serie B: non a caso il suo cartellino parte da una base d’asta di almeno un milione e mezzo. Attenzione alle insistenti voci che lo volevano vicino ai portoghesi dello Sporting Braga: di fatto però ufficialità o aggiornamenti in questione non ve ne sono stati. Un tentativo di inserimento potrebbe ancora essere fattibile.