Genoa, Juric: “Partiamo da squadra che si è salvata: vedremo se valiamo di più”

Sarà il 13 agosto la data che avvierà ufficialmente la stagione sportiva del Genoa. Per questo motivo oggi è tornato a parlare a Villa Rostan, nella sala stampa, il tecnico rossoblu Ivan Juric. Ecco le sue parole.

Cosa si attende dalla Coppa Italia?

Abbiamo lavorato bene, ma siamo ancora incompleti. Siamo comunque vogliosi di ricominciare. Cosa mi aspetto dalla Coppa? vedere una buona squadra e vedere come interpreta la partita rispetto a quello su cui abbiamo lavorato.

Che avversario sarà il Cesena? 

Sono squadre forti quelle di B, con giocatori forti. Non vanno sottovalutate.

Il bilancio dell’ultimo mese di lavoro?

Penso che abbiamo lavorato bene, le difficoltà sono relative al fatto che abbiamo giocatori squalificati, come Zukanovic in Coppa, o altri che non possono ancora giocare. Mi piace come si aprono i difensori, ma aumenteremo la qualità in fase difensiva e a livello di gioco. Biraschi andrà in panchina; Izzo è fuori e ci mancherà tanto. Zukanovic è squalificato. Domani giocherà probabilmente Rosi in un ruolo dove non è abituato a giocare. La squadra più o meno è decisa. In difesa c’è emergenza totale: vediamo se oggi riusciamo a tesserare già Migliore.

Simeone e Lapadula?

Giovanni ha lavorato tanto, lo vedo bene. Quando penso di avere Lapadula? Lungo lungo nel tempo. Sono due giorni soli che corre, ma c’è un periodo lungo di non corsa. Deve prepararsi bene e quando sarà pronto, che starà bene del tutto, potrà fare bene.

L’importante è che l’estate non abbia illuso nessuno. Pensa che questo percorso continuerà? 

Partiamo dalla salvezza dell’ultima giornata. Penso che sarà un durissimo campionato per la salvezza. Giorno dopo giorno dimostreremo magari che siamo qualcosa di più.

Ha chiesto giocatori?

Nella nostra testa è abbastanza chiaro cosa fare. Abbiamo preso giocatori che non hanno giocato tanto l’anno scorso, come Zukanovic e Spolli, che può darci molto. Bertolacci deve riprendersi dalla stagione scorsa dove ha giocato poco, Lapadula un costoso investimento. Ci serve un difensore.

Si fida del VAR?

Voglio stare ad ascoltare quello che Rosetti (presente a Pegli, ndr) ci spiegherà.

Cosa pensa di questo calciomercato così lungo? 

Un mercato così lungo sottovaluta il lavoro degli allenatori, che fanno tanto e poi si ritrovano a dover ricominciare da capo con alcuni giocatori.

Taarabt?

Mi ha chiesto un’opportunità, gliel’ho voluta dare. Non vuol dire niente: si allena normalmente e se sta bene è un giocatore valido. In questi giorni si allena bene, col giusto atteggiamento. Speriamo. Chiaro che sono due anni e mezzo, quasi tre, che non si gioca.

Laxalt-Atalanta?

C’è un’opzione per lui che vedremo come si sviluppa. Se succede, mi dispiacerà molto: ma dovrò capire i meccanismi della società. Se servono soldi e altre operazioni non sono andate in porto come da preventivo, ne prenderò atto. Se è una cosa giusta per la società, devo anche capire.

Attacco affollato: sta studiando qualcosa per farli coesistere tutti i giocatori del reparto, magari adattandone qualcuno? 

Adattare i calciatori non è facile e faccio fatica a vederli adattati in altri ruoli. Abbiamo due ragazzi di talento che non dovremo chiudere, dando loro delle opportunità.

La preoccupa il campo di domani? 

Non è in buone condizioni: non credo cambi molto se prima giocano loro (Sampdoria, ndr). Si vedrà domani.

DI SEGUITO L’AUDIO DELLA CONFERENZA STAMPA DI MISTER JURIC:

SE VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SUL GENOA RICORDATI DI CLICCARE “MI PIACE” SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK (CLICCA QUI)