Centurion-Boca, le parole del presidente Angelici durante la presentazione di Tevez

"Non ho un problema con Centurion dato che non sono una persona che si fissa con un'idea"

Foto TanoPress

Il Boca Juniors sta facendo le cose in grande per costruire la squadra che possa lottare per conquistare la Septima. E se oggi sono stati presentati l’ex juventino Carlos Tevez ed Emmanuel Mas, calciatore ex Trabzonspor, a margine della conferenza stampa si è parlato anche della situazione Centurion. Le dichiarazioni del presidente xeneixe Angelici sono chiaramente da registrare nell’ottica del calciomercato in uscita che potrebbe riguardare il Genoa, per quanto ricalchino molto quanto annunciato già quest’estate dopo ll dietro-front di quello che sarebbe diventato poi attaccante rossoblu.

Centurion è un buon giocatore però a suo tempo il club ha deciso di non portare avanti la trattativa – ha spiegato il presidente del club argentino – Niente di personale: può accadere che un giorno cambino le cose, tuttavia oggi siamo nella stessa situazione di quando quest’estate viaggiò negli Stati Uniti per firmare il contratto e prese poi la decisione di non farlo”.

Non ho un problema con Centurion – ha poi chiarito Angelici – dato che non sono una persona che si fissa con un’idea. Se ritengo di cambiare posizione pensando che qualcosa possa essere buono per il club, lo faccio. Ripeto: Centurion è un bravo ragazzo, un giocatore molto bravo che tuttavia in alcuni frangenti fuori dal campo non è piaciuto alla dirigenza del club”.

Se mi chiama non avrò problemi ad ascoltarlo – conclude il presidente degli XeneixesDel resto parliamo di un giocatore che dentro il campo ha reso, ma fuori ha tenuto alcuni atteggiamenti che mi hanno portato a non metterlo sotto contratto”.

La tematica non ha di certo offuscato l’entusiasmo per il ritorno di Tevez a casa, ma neppure è finita nel dimenticatoio visto l’interesse che la tifoseria xeneixe nutre nei confronti dell’attuale calciatore rossoblu, rimasto nel cuore della tifoserie e “bersagliato” di tweet e commenti sui social che lo richiamano a casa. Situazione che dunque non si aggiorna rispetto allo scorsa estate, anche se alcuni media argentini raccontano di qualche sorriso ammiccante del presidente Angelici mentre rispondeva alle domande.