La sconfitta del Frosinone riporta equilibrio in vetta alla  classifica di Serie B. Complimenti al Bari di Fabio Grosso, che con una rete di Libor Kozak trova una vittoria cruciale (mancava da ormai 5 turni) per riaprire il campionato e portarsi nuovamente a pochi passi dai primissimi posti di classifica. Se l’Empoli ha già approfittato del passo falso ciociaro, portandosi a casa il bottino pieno contro l’Ascoli grazie al tocco sotto di Krunic e al gran colpo da fuori di Ninkovic, lunedì toccherà al Palermo – e domani al Cittadella – provare a rispondere presente.

Il Carpi sbaglia un rigore e va sotto contro la Cremonese, colpita però da Melchiorri al minuto 70 della ripresa: 1-1 il risultato finale, lo stesso esito maturato in Spezia-Venezia al Picco e nella sfida da cardiopalmo fra Avellino e Cesena, passato in svantaggio all’89° ma capace di trovare la rete del pareggio con un colpo gobbo di Daniele Cacia al 96°. Dopo la doppietta nella gara di andata, che coincise con la prima vittoria bianconera in un inizio di campionato davvero nefasto, oggi la classifica vede gli emiliani a sole due lunghezze dai lupi di Walter Novellino.

Anche la Virtus Entella segna quasi allo scadere, ma a differenza loro trova la vittoria contro una Ternana in piena crisi di risultati, senza Pochesci e all’ultimo posto in classifica. Risale la china il Pescara, che abbatte la Salernitana di Colantuono con una punizione velenosa di capitan Brugman a 10′ dal termine, pareggio senza reti in Pro Vercelli-Brescia. Da segnalare un cartellino rosso per Paolo Ghiglione, in prestito dal Genoa, in seguito ad un fallo da dietro sull’avversario Embalo, arrivato da poche settimane in Lombardia dal Palermo.

Domani Parma-Perugia (ore 15) e Cittadella-Novara (ore 17.30), prima che Palermo-Foggia chiuda il programma lunedì sera al Renzo Barbera.