Sono genoano perché sono nato così. Lo erano mio padre, i miei bisnonni e i miei nonni: ancora mio nonno mi regalò la sua tessera del 1912 di quando era allievo del Genoa. Si parla di una malattia“. Massimo Boasi, titolare della Caffè Boasi, dalla sede di TAG (Torrefattori Associati Genova) di Serravalle Scrivia, ci racconta cosa sia il Genoa per lui, come sia nata questa fede e a quale tipologia di caffè paragonerebbe il Vecchio Balordo.


 

Caffè Boasi e Rostkafè…per ultimo lasciamo parlare il caffè