Home Editoriale Pagina 2

Editoriale

Stagione 2018/2019: Arbitri

Mancano 8 giorni all’inizio del campionato 2018/2019. Una volta si diceva senza arbitri e pallone al calcio non si può giocare, adesso bisogna aggiungere anche senza il VAR. Partiamo dagli arbitri. Il 30 giugno, l’AIA (Associazione Italiana Arbitri) ha diramato l’elenco dei direttori  di gara che saranno impegnati nel prossimo campionato elencando bocciati o dismessi dalla seria A e promossi dalla Can B. Accanto alle scontate dimissioni per raggiunti limiti di età di Damato premiato lo scorso anno con la Finale di Coppa Italia non meritata vista la stagione di più bassi che alti. Regalino? Lo scorso gennaio, l’avvocato di Barletta aveva rinunciato al ruolo di internazionale lasciandolo ad Irrati di Pistoia. L’altro uscito per limiti di età, Tagliavento di Terni, è subito passato nelle file dirigenziali della Ternana calcio. L’unico trombato per normale avvicendamento è stato Gavilucci di Latina,  in gergo arbitrale vuol dire tecnicamente non adeguato per la serie A. Nicchi e Rizzoli hanno dunque presentato una lista di 21 arbitri, uno in meno rispetto alle scorse stagioni. Subito non si è capito il perché ma dopo alcuni giorni tutto è venuto alla luce dell’AIA. Gavilucci aveva infatti presentato ricorso al Tribunale Federale esigendo le risultanze sul perché non fosse stato confermato. Gli arbitri si giudicano non per graduatorie, ma valutazioni degli organi tecnici e degli osservatori, per errori commessi in campo e giudicati tali da non consentire la garanzia di poter continuare a dirigere in serie A. Nessuno di questi documenti è stato reso pubblico, mentre Gavilucci li vuole vedere davanti al Tribunale Federale. Gavilucci fuori, dentro un altro laziale, ovvero sia Federico La Penna premiato per la stagione e non sicuramente per i playoff di Serie B, cannati viste le rimostranze del Palermo.

I numeri di un calciomercato “in differita”

Il calciomercato europeo vive proprio in questo momento le sue ore più calde, seguendo le orme del clima del Vecchio Continente....

Vergogna

Sono passati sette mesi e in Federazione calcio non si è partorito nulla, con i Commissari come ostetrici. Dallo scorso febbraio Il Commissario della Federazione...

Occhi al Pio: Mazzitelli torna in gruppo, sorrisi per Sandro e Romulo

L'ennesima giornata di caldo e umidità il Genoa ha provato ad aggirarla allenandosi di prima mattina, con tutti gli effettivi della giornata di ieri ai quali si è aggiunto Mazzitelli. Ieri un lavoro di allunghi e primi approcci col pallone, oggi il rientro coi compagni.  Ha continuato a lavorare a parte Ieri Medeiros, prossimi giorni decisivi per testare il ritorno di Romulo. Bessa, che sta recuperando dai carichi delle precedenti settimane nelle quali non aveva preso parte agli allenamenti in gruppo, soprattutto nel ritiro di Brunico, svolgendo però un iter differenziato. Oggi foto in compagnia di Sandro e Romulo a fine allenamento. Per l'ex Benevento proseguono i lavori in seno a Villa Rostan per fare ritorno in campo. Sul fronte calciomercato, si attende per l'ufficialità di Rossettini al Chievo. Imperversano le voci di un interesse di Zenit e Napoli per Laxalt, mentre per Favilli ulteriori conferme dall'agente Di Campli, che avrebbe spiegato nel pomeriggio come mancherebbero soltanto le firme per  fare di Favilli un nuovo calciatore rossoblu. Intanto il centravanti bianconero ha postato nel pomeriggio una fotografia di una valigia, lasciando più di qualche indizio su un suo imminente spostamento in Liguria.

Serie C, campionato al via il 2 settembre. Avellino, rigettato il ricorso

Dopo la confusione generata ieri dalla notizia dello stop all'inizio del campionato di Serie C e la poco confortante intervista al...

Ritorno al Pio Signorini

Da questa mattina porte chiuse per tutta la settimana al Pio Signorini. Oltre lavorare sulla velocità, Ballardini aprirà il laboratorio anche sui palloni inattivi alla ricerca di rimedi vista la penuria di gol nello scorso campionato su punizioni dirette, indirette e calci d’angolo. Ballardini continuerà il dialogo con tutti per far capire i suoi obiettivi,  quali sono i principi di gioco su cui punta rendendo partecipi i calciatori della propria idea di calcio. Ballardini continuerà a non scindere la parte tecnico-tattica da quella fisica e continuerà a lavorare prima, durante e dopo gli allenamenti a stretto contatto con i suoi collaboratori tecnici e fisici. Calciomercato: si aspetta Favilli. In uscita Rossettini vicino al Chievo. Asencio ha firmato per il Benevento. Ore frenetiche per Lapadula e anche per Perinetti, grazie ai buoni uffici con tutto il calcio e Donatelli per piazzare gli altri esodati dalla rosa genoana dopo Neustift. Per Laxalt si aspettano proposte dalla Russia, dall’Italia, ma non dall’Inghilterra: dopodomani infatti, con sette giorni di anticipo rispetto all’italico barnum, finisce il calciomercato.

Sciattagallinne!

Sciatagallinne un signore in “bleu” e non in nero che ha rovinato una gara di allenamento non solo al Genoa. Sciatagallinne chi ha fatto giocare una partita tra professionisti in un campo di patate! Sciatagallinne, i soliti  cretini di Marsiglia, non di Montpellier, accecati dal rossoblù!

Pentagramma rossoblu

Continua la musica di Ballardini che in ogni gara amichevole cerca di intonarla sempre di più. Al Balla piacerebbe fare del rock, in questo...

Cristiano Ronaldo, il re dei palloni inattivi alla prova Serie A

È cominciata ieri l'avventura sul campo di Cristiano Ronaldo alla Juventus, che nel pomeriggio ha conosciuto anche dove e quando sarà il suo esordio...

Vola il Grifone tra le Alpi

Oggi nel pomeriggio riparte il giro: non è un tour visti i carichi di lavoro pesanti, delle  Alpi. Dalla Val Stubai alla Val Pusteria si arriva dopo 48 ore di sosta in Val Susa, a Bardonecchia. Ballardini e il suo staff continueranno a lavorare tecnicamente e tatticamente insegando: scaglionamento, profondità, movimento, ampiezza, imprevedibilità. Fisicamente tutto quello per essere in forma. Per Ballardini il calcio non è scienza e allenare non sarà così semplice come qualcuno vorrebbe far credere. Non tutti hanno Ronaldo Cristiano e compagnia in rosa e allora non basterà avere un pallone e conoscere le regole del gioco. Bisogna avere una buona dose di buon senso ed equilibrio per guidare i calciatori in campo e fuori. Ballardini queste doti le ha già messe in campo anche in altre occasioni al livello del Mar Ligure. Lui e il suo staff tecnico e atletico, medico, fisico nelle prime tre settimane di ritiro hanno fatto vedere che la ricetta era ed è logica e giusta.
8,720FansMi piace
1,036SeguaciSegui
497SeguaciSegui
581SottoscrittoriSottoscrivi

L'Outlet di Buon Calcio a Tutti