Home Editoriale Pagina 3

Editoriale

Giornata intensa per il Grifone

Mezza giornata di festa per il Genoa a Riscone di Brunico, non per tutti: Hiljemark e Rolon, l'ultimo arrivato, hanno lavorato al mattino con i preparatori mentre Preziosi e lo staff si cimentavano in un partitella di calcio. Giornata intensa di lavoro iniziata al mattino per Ballardini in versione Coppi sulla salita che porta da Brunico a Riscone. Allenamento pomeridiano iniziato alle 17 con mezz'ora di core training a gruppi di dieci per rafforzare gli addominali con il prof. Barbero, palestra per gli altri con Pilati. Ballardini in mezzo al campo a controllare tutto, in particolare il primo allenamento intenso di Marchetti nelle grinfie di Scarpi. Dirigenza genoana con Preziosi, Perinetti e Donatelli seduti sulla panchina di fronte alla tribuna a vedere i lavori e fare un summit di mercato dopo le precedenti telefonate del Joker sulla pista di atletica, sotto il lontano striscione del "Genoa Club San Fruttuoso". Finita la parte a fisica, corsa blanda lungo la pista di Atletica per Zukanovic, Romulo, Mazzitelli. Criscito con le scarpe da calcio, Hiljemark e Russo con Murgita a palleggiare contro il retello. L'intero editoriale su www.buoncalcioatutti.it

Non sonata la quinta

Ballardini e il Genoa non hanno sonato la quinta. Il Grifone era pronto ad accordarsi meglio dopo 4 amichevoli e 16 giorni di lavoro al fine di andare avanti nel suo programma. Invece ha dovuto giocare con il Cuneo, squadra di serie C, un avversario stonato non per colpa dei giocatori ma per le vicende societarie sofferte durante il mese di luglio.  Iscrizione sul filo di lana il 20 luglio scorso, nomina dell'allenatore Scazzola con un passato da giocatore genoano con Bagnoli negli anni 90/91 e un replay nel 1996 con Perotti in panchina. Giorno 23 luglio, lunedì scorso, primo allenamento; giorno 24 luglio partenza per Chienes in Val Pusteria, secondo allenamento e ieri gara con il Genoa. Per leggere tutto l'editoriale accedi a www.buoncalcioatutti.it

Cronaca di un allenamento

Ripresi i lavori in Val Pusteria a Riscone di Brunico per Ballardini e la sua band. Terza settimana di lavori con il solo obiettivo, oltre quello fisico, di giocare molto con il pallone in maniera intensa per continuare a valutare i calciatori a disposizione attraverso gli esercizi. Tanto lavoro con il pallone e gestione dello stesso da fare con intensità e attenzione nelle fasi difensiva e offensiva. Il pomeriggio di allenamento non ha fatto sconti neanche dopo 6 ore di pullman.

Principio della Evidenza

Oggi pomeriggio inizia la terza settimana di allenamento in montagna a Riscone di Brunico per preparare al meglio la prossima stagione.  La frase di Ballardini "bisogna alleggerire e trovare equilibri" dopo il triangolare di Magdeburgo era ponderata anche prima della manifestazione e probabilmente il tecnico avrebbe fatto a meno anche in Sassonia di quelli lasciati oggi a Pegli. Tutto confermato anche dalla prestazione contro i tedeschi padroni di casa di coloro che non saliranno in Val Pusteria, non per cattiva volontà consapevoli di non essere più utili. Il tecnico parla ai calciatori nel bene e nel male. Unica chicca non capita la fascia di capitano consegnata a Rossettini contro il Magdeburgo. Un riconoscimento al lavoro fatto in passato?

Uber Alles, l’importante è il campionato

È stato bello dopo quasi 30 anni rivedere la Germania dell'est. Magdeburgo rimasta quasi intatta nel suo centro storico come nel passato, coi suoi palazzi grigi e qualcuno pitturato di colori più vivaci. Il tram più vivace solo nei colori. Questo conta poco ai fini del triangolare giocato dal Vecchio Balordo, solo un Amarcord del passato visto con la Pro Recco di Pizzo e compagnia, non a Magdeburgo ma a Lipsia. Obiettivo di Ballardini far girare meglio le gambe, trovare e cercare i suoi principi di gioco e scoprire in gare ufficiali gli ultimi arrivati.

Genoa, finito un ritiro se ne fa un altro

Finisce questa mattina il ritiro austriaco del Genoa, a Neustift, e termina con un allenamento leggermente anticipato per permettere poi uno spostamento più agevole, come tempi, verso Magdeburgo, da dove racconteremo in diretta la partita. Oggi faremo tappa a Norimberga, il 21 procederemo verso la città dell'alta Sassonia per raccontarvi l'inedito scenario del triangolare con Swansea e Magdeburgo.

Apocalisse annunciata

Che tristezza! Il calcio italiano, con il vento in poppa per l'arrivo di CR7 e il suo contratto faraonico, non lo è dappertutto considerate le richieste della Procura della FIGC per Chievo e Parma sul precipizio della Serie A. Altro che disperazione per non aver partecipato al Mondiale russo, è in atto una fine annunciata del calcio italiano. Sulla graticola in questo momento ci sono Chievo, bilanci in disordine e una rumba di plusvalenze. Ad Avellino per una fideiussione irregolare e taroccata da una società di maniche larghe anche con altre società, sospesa un anno fa dalla Banca d'Italia perché non possedeva consistenza patrimoniale. Oltre agli irpini, in ballo c'è anche il Palermo. Il Milan è al Diavolo dopo la farsa cinese. Sperano che l'ingresso del fondo Elliott li possa riportare nel Purgatorio dell'Europa League. Nella strana, assurda vicenda delle fideiussioni taroccate, perché Covisoc, Lega e FIGC si sono mosse solamente adesso un giorno prima delle iscrizioni al campionato con tutto annunciato da tempo?

Cartoline da Neustift: Pardeller, strudel e pane nel centro della ValStubai

"L'odore del pane è l'odore più buono che c'è". Così recita una scritta nel panificio centrale di Neustift, dove puoi trovare un ottimo strudel e dell'ottimo pane integrale e di segale. Tutto fatto in casa e appena sfornato. Su www.buoncalcioatutti.it il video di presentazione del panificio "Pardeller".

Non poteva essere un Genoa champagne e bollicine

Non poteva essere un Genoa champagne e bollicine contro lo Zenit San Pietroburgo visti il poco tempo di preparazione, i carichi di lavoro pesanti e l'allenamento del mattino. È stato un Genoa “Pagadebiti”, vino romagnolo frizzante come Ballardini e il suo gioco che nessuno si aspettava alla vigilia contro una squadra in preparazione da quasi un mese che parteciperà il prossimo 9 agosto al terzo turno preliminare di Europa League. Formazione che per l'occasione ritrova quelli che avevano  partecipato ai Mondiali con la Russia, con una squadra che aveva cambiato solo 4 elementi rispetto alla scorsa stagione, compreso Criscito.

Parma, chiesti 2 punti di penalizzazione sullo scorso campionato

Nella giornata odierna la Procura della FIGC ha avanzato la richiesta di 2 punti di penalizzazione per il Parma da applicare alla precedente stagione: penalizzazione che ridisegnerebbe la classifica mandando in A diretto il Frosinone e modificando quello che fu il quadro dei playoff, col Palermo al terzino posto anziché al quarto. Ma c’è un subordine relativo al prossimo campionato, se fosse San disputare in Serie A.
8,690FansMi piace
1,036SeguaciSegui
497SeguaciSegui
579SottoscrittoriSottoscrivi

L'Outlet di Buon Calcio a Tutti